Vermi o bruchi? Un interrogativo inquietante – di Sergio Roic

immagine wiki commons

Il plurilinguismo svizzero mette a dura prova l’UDC (titolo originale)

Naturalmente, nessuno pretende dai politici, neanche da quelli svizzeri, una perfetta conoscenza delle lingue, figuriamoci di quelle nazionali. E anche un partito patriottico come l’UDC scivola sulle plurime parlate che ci contraddistinguono da secoli ormai.

Come non sorridere, infatti, delle odierne dichiarazioni dell’esponente UDC ticinese Marco Chiesa che, a proposito delle poco simpatiche mele propagandistiche che hanno sollevato un polverone in patria, tuona “In verità non sono vermi, ma bruchi” a proposito degli animaletti-partiti che fuoriescono dalla mela rossocrociata.

In Romandia, regione che forse non è del tutto sconosciuta a Chiesa, e in francese, lingua che pure Chiesa si presume adoperi a volte, in Romandia, dicevamo, lo stesso identico slogan politico con la mela recita “Des vers pour notre pomme? Non merci”. Chi ha ragione, allora: l’italofono Chiesa o i vermi romandi?

Sergio Roic, scrittore