Sono tutti cinesi i 39 cadaveri trovati in un container frigo di un camion vicino a Londra

La polizia inglese, sta indagando su una delle più grandi inchieste di omicidio nel Regno Unito. 31 uomini e 8 donne sono stati scoperti senza vita all’interno di un camion frigo parcheggiato nella zona industriale della cittadina di Grays, nella contea inglese dell’Essex, poco dopo il suo arrivo dal Belgio. Erano tutti cittadini cinesi. Tutti adulti tranne un adolescente. Si teme che siano deceduti lentamente a causa del congelamento: le temperature nel camion sono scese fino a -25°C dopo aver viaggiato per oltre 8 mila chilometri fino ad arrivare nel Regno Unito su un traghetto partito da Zeebrugge in Belgio.

È stato lo stesso autista, un 25enne nordirlandese di nome Maurice Robinson, ad aver chiamato la polizia dopo aver scoperto i corpi ammucchiati all’interno. Aveva parcheggiato il mezzo nella zona industriale ed era sceso per prendere i documenti di viaggio all’interno della parte posteriore del container insonorizzato e refrigerato. Quando ha aperto il portellone è rimasto inorridito dalla scioccante scena che gli si è presentata davanti.

Robinson è stato comunque arrestato e al momento è trattenuto per sospetta complicità in omicidio di massa. Durante la notte la polizia ha perquisito due sue proprietà nella contea di Co Armagh e la sua abitazione in Markethill che condivide con la moglie, in attesa di due gemelli.

La National Crime Agency (NCA), l’autorità inglese che indaga sul crimine organizzato di immigrazione e sulla tratta di esseri umani, sta esaminando se gruppi di criminalità organizzata possono aver avuto un ruolo in questa tragedia. La polizia sta indagando se gli immigrati siano stati trasferiti in Inghilterra da un anello di contrabbando di persone con base nell’Irlanda del Nord. Le vittime potrebbero essere state trafficate da bande criminali per venderle come schiave per lavorare nei bar, bordelli, sale massaggi e ristoranti.

Il container frigo è stato immatricolato a Varna, una città portuale bulgara sul Mar Nero, registrato sotto il nome di una società di proprietà di una cittadina irlandese. Mentre il trattore del camion, la sezione anteriore del veicolo che rimorchiava il container, è originario dell’Irlanda del Nord. Robinson è arrivato nel Regno Unito tramite il porto di Holyhead, punto di collegamento via mare con l’Irlanda, dopo aver viaggiato da Dublino, e ha preso il rimorchio nell’Essex poco prima che fossero chiamati i servizi di emergenza.

La Cina fa spesso notizia come potenza globale, ma il boom economico sta favorendo anche una estrema disuguaglianza. L’uno per cento dei cittadini cinesi sono in possesso di un terzo delle ricchezze del paese. Un divario che si sta allargando dopo la guerra commerciale con gli Stati Uniti che ha costretto molte fabbriche a chiudere sfavorendo i lavoratori più poveri. Gli ultimi sondaggi confermano che molti cinesi della classe media sono desiderosi di lasciare il paese per mancanza di istruzione e assistenza sanitaria con i persistenti problemi di inquinamento e sicurezza alimentare.

Non si conosce ancora il motivo per cui quelle persone  hanno intrapreso quel lungo viaggio a bordo del container. Certamente la loro storia ha provocato dolore. Le autorità continueranno il lavoro per identificare tutte le vittime con gli esami post mortem. Un lungo e triste processo.