Ai cittadini russi è stato detto che il coronavirus è stato sconfitto e che esiste un vaccino. Nel frattempo però il presidente Putin, che è noto per la sua avversione ai germi e per l’intensa cautela nei confronti della sua salute, per proteggersi dalla pandemia utilizza speciali strutture mobili di passaggio presso la sua residenza di Novo-Ogaryovo e presso il Cremlino, che erogano, sotto forma di nebbia d’acqua sottile, una soluzione antibatterica sui vestiti e sulle parti esposte delle persone.

In sostanza, il Servizio federale di protezione ha realizzato una “bolla” priva di virus attorno presidente russo che supera di gran lunga le misure protettive adottate da molte delle sue controparti straniere.

Putin, che non si vede più da distanza ravvicinata dal mese di marzo, conduce i suoi incontri con gli alti funzionari tramite collegamento video da una stanza nella sua casa fuori Mosca attrezzata con tunnel disinfettanti. Le poche persone che lo incontrano “faccia a faccia” devono passare prima due settimane in quarantena.

Ad un certo numero di persone facenti parte della cerchia stretta di contatti di Putin, è stata diagnosticata l’infezione da Covid-19, tra cui il il primo ministro Mikhail Mishustin, il ministro dell’edilizia Vladimir Yakushev, il ministro della cultura Olga Lyubimova e il suo portavoce Dmitry Peskov il quale ha stretto la mano al presidente poco prima di risultare positivo.

L’azienda Mizotty, produttore di attrezzature per la pulizia industriale con sede a Penza a sud-est di Mosca, ha dovuto produrle e consegnarle in tempi molto ristretti proprio al culmine dell’epidemia, soprattutto nella sua principale sede di lavoro dove Putin tiene molti eventi. “Abbiamo iniziato a realizzare questi tunnel tre settimane fa, avviando la produzione perché ovviamente in mezzo alla pandemia da coronavirus molte aziende hanno dovuto chiudere”, dichiarava ad inizio giugno il vice capo della società Natalya Spirina. “Siamo stati messi in quarantena e abbiamo deciso a distanza che dovevamo trovare nuove apparecchiature che si adattassero a tutti i criteri in termini di lotta al coronavirus e abbiamo creato questo impianto disinfettante che usa una sostanza antisettica chiamata Anolit, approvata dal Ministero dei diritti dei consumatori del governo russo”, ha aggiunto Spirina, confermando di aver installato le strutture disinfettanti anche in alcuni ospedali.

Gli oppositori di Putin hanno criticato quelle che considerano le premature dichiarazioni di successo nella lotta contro il virus. La Russia è stata spesso paragonata agli Stati Uniti e al Brasile, altri due grandi paesi i cui leader minimizzano il rischio della malattia, ma mentre il presidente Donald Trump e il presidente brasiliano Jair Bolsonaro hanno cercato di limitare i loro spostamenti, Putin si è appartato in forte distacco sociale anche se ha permesso in Russia di tornare essenzialmente alla normalità.

La sua prima apparizione pubblica è stata quando ha presieduto l’evento cerimoniale del Russia Day. Dozzine di veterani della seconda guerra mondiale si sono uniti a Putin sui gradini della Piazza Rossa a giugno durante la parata militare per la commemorazione del 75esimo anniversario della vittoria dell’Unione Sovietica sulla Germania nazista. Ma prima di poter essere a breve distanza dal presidente, i veterani (quasi centenari) hanno dovuto trascorrere due settimane in quarantena in un luogo di cura isolato.