Oggi 19 marzo, è impossibile non ricordare una figura così importante come quella di San Giuseppe che sottende la figura del padre e la paternità.

Sebbene il vero padre di Gesù fu Dio, perché la Vergine Maria  concepì miracolosamente per intervento dello Spirito Santo, Giuseppe,  messo al corrente di quanto era accaduto da una visione avuta in sogno, accettò di sposarla e di riconoscere legalmente Gesù come proprio figlio così che la tradizione lo identifica come padre putativo di Gesù.

Da un punto di vista meramente laico, il concepimento e la paternità portano con sé comunque il mistero dell’esistenza e della nascita che sono comuni a tutta l’umanità: nasciamo per volere di padre e madre affinché siamo chiamati a vivere un’esperienza terrena sulla terra chiamata vita.

Essere padri però, come San Giuseppe ci ha insegnato, non lo si è solo per una questione puramente biologica ma è un qualcosa che va ben oltre al significato materiale sfociando in aspetti di cura, custodia che trascendono in un qualcosa di molto più lato  dai connotati di un amore universale tipico dell’amore di Dio per le sue creature, e seguendo questo filo logico, ci si può identificare nella paternità adottiva sino ad essere padri di idee, di valori morali, di contributi umani per dal valore indiscutibile.

La redazione di Ticino Live augura i migliori auguri di buon onomastico tutti i Giuseppe e a tutti i papà.