Una protesta in blu contro il gigante giallo

Gli autisti si difendono indossando una camicia blu contro il sistema a due classi presso gli autopostali gialli


Domani, giovedì, i/le conducenti degli imprenditori postali (IP) privati di diverse regioni della Svizzera, scandendo lo slogan «Non sono di AutoPostale», protesteranno contro la discriminazione nell´ambito delle condizioni salariali e di lavoro. L´ingiusto sistema a due classi presso AutoPostale SA risulterà evidente quando i conducenti interessati indosseranno una camicia blu invece che gialla. AutoPostale SA, alla vigilia dell´azione, ha reagito con un ammonimento diretto a syndicom, minacciando di non tollerare la violazione delle disposizioni in materia di abbigliamento.

Giovedì 18 luglio un comitato d´azione di conducenti di autopostali indirà insieme a syndicom una giornata di protesta in tutta la Svizzera. Si chiede un pari trattamento di tutti(e) i/le conducenti di autopostali nell´ambito delle condizioni salariali e di lavoro, e che il relativo CCL debba valere per tutti: sia per i/le conducenti di AutoPostale SA che per i dipendenti degli imprenditori postali (IP). Durante la giornata di protesta, i conducenti indosseranno una camicia blu – non conforme al regolamento – con un logo di syndicom. Inoltre sui veicoli verranno posizionati adesivi e piccoli cartelli con lo slogan «Non sono di AutoPostale». Un flyer informativo per i passeggeri e spille completano la gamma degli strumenti destinati all´azione.

Finora oltre 200 conducenti provenienti da tutta la Svizzera hanno ordinato le camicie e il materiale per l´azione. Essi sono stati informati ieri via SMS in merito al fatto che l´azione si terrà giovedì.