Cattaneo ci parla dal Corriere, parliamo di lui

Jack 543 cIl presidente Cattaneo pubblica oggi un’interessante intervista sul Corriere. Parlando in termini generali direi che le sue considerazioni appaiono molto ottimistiche. D’altra parte senza un minimo di fede non si va da nessuna parte. Quindi, bene così.

Sotto la presidenza Cattaneo il PLR :

• ha perso duramente nell’aprile 2013
• ha perso dignitosamente (anche se sostiene di aver vinto) nell’aprile 2015 (con una riserva per il buon risultato del Gran Consiglio) / A
• ha perso duramente nell’ottobre 2015 / B
• ha vinto nel novembre 2015 / C

A) L’obiettivo fondamentale era il recupero del seggio in Consiglio di Stato, perso nel 2011. Tale obiettivo è stato mancato. La mossa dell’8 gennaio – più che “geniale”, obbligata – poteva forse fare il miracolo, ma non l’ha fatto.

B) Cattaneo puntava : 1) ai 3 eletti. Alternativamente : 2) a battere Merlini o Cassis. Il primo obiettivo è stato mancato per 8532 schede (scrivere “un miliardo” sarebbe equivalente). Quanto al secondo…* Bisogna ammettere che non è facile battere gli uscenti.

C) Abate ha vinto e Ghiggia ha perso. Inutile girare intorno al pero. Con Abate Cattaneo ha vinto. Il neofita Ghiggia** si è battuto benissimo, ma ha perso. Adesso il “senatore” radicale, che ha votato due volte per Widmer Schlumpf e NON avrà l’occasione di farlo per la terza volta, potrà andare nella città degli orsi a votare contro Gobbi. Legittimo, per l’amor di Dio. Mancherebbe che uno non potesse votare come desidera.

° ° ° ° °

* Cattaneo (questa è soltanto la mia opinione e non un teorema di Algebra) presiede il partito ma è nettamente minoritario all’interno di esso. In un certo senso egli “mimetizza” la reale distribuzione interna del potere. Quando nel settembre 2012 il PLR elesse il suo presidente, al Mercato coperto, io ero lì. E quando – eliminato Michele Morisoli – rimasero in corsa Pini e Cattaneo io, nella mia beata e inguaribile ingenuità, ero sicuro che Pini avrebbe vinto.

Secondo me Cattaneo ha fatto male a esporsi, nell’ottobre, perché così facendo ha svelato la sua vulnerabilità. D’altro canto uno sportivo di valore, un ciclista, ha il dovere di battersi con coraggio e di “andare in fuga”.

** L’avvocato Ghiggia ha dichiarato di non essere interessato alla politica comunale o cantonale, ma unicamente alla politica federale. Questo significa 4 anni oppure (questa cosa non l’ho inventata io) :

— “Atom-Doris” lascia prima del termine
— Lombardi assurge (finalmente! Quanta attesa, quanti patemi) al governo federale
— … e si rifà l’elezione agli Stati, con buone chance di vittoria per Ghiggia.

freccia 150