Si è spento Giorgio Morniroli, neurochirurgo e consigliere agli Stati

È morto giovedì scorso all’ospedale di Locarno il dottor Giorgio Morniroli, medico illustre e pioniere della neurochirurgia nel Ticino. Aveva 81 anni e viveva a Minusio.

Accanto alla sua intensissima attività professionale Morniroli coltivava la passione per la politica. Attivo nel PLR, era membro della direttiva del partito. Nel 1991 improvvisamente decise di candidarsi per la Camera alta, sostenuto dalla nascente e impetuosa Lega dei Ticinesi e, in genere, da forze di Destra, come l’Alleanza Liberi e Svizzeri, associazione della quale era membro.

Suoi principali avversari nella difficile battaglia elettorale erano Franco Masoni e Sergio Salvioni (entrambi PLR) e Camillo Jelmini, PPD. Dopo una lotta rocambolesca all’ultimo voto Morniroli, a sorpresa, sconfisse Jelmini, “senatore” in carica, mentre Salvioni battè Masoni.

Questi fatti del 1991 (e dell’antecedente e tumultuoso  1987) sembrano oggi remoti, ma sono chiari e nitidi nella mente di chi li ha vissuti.

La Redazione di Ticinolive porge alla famiglia dell’amico Giorgio le più sentite condoglianze.