Chiasso – I vincitori di Hack the City 2017

Un’edizione un po’ sottotono quella di quest’anno, che purtroppo ha visto meno partecipanti alla maratona di programmazione della Svizzera italiana rispetto a quella passata (30 iscritti rispetto ai 46 del 2016). Tuttavia, i giudici hanno rilevato un salto qualitativo per ciò che concerne i progetti presentati dai 6 team in gara. Alcuni molto giovani (18enni appena maturati) e altri più navigati hanno passato 2 giorni (da sabato alle 8 fino alle 24 e poi ancora domenica, dalle 8 alle 17) a sviluppare i loro progetti e prototipi; alcuni di loro sul posto, altri in remoto. Purtroppo non erano presenti donne tra i concorrenti: è un problema nel settore e merita di essere sottolineato.

1º premio (CHF 5’000.-)
Team MonteLabs (Enrique Fynn e Leonardo Alt) con il progetto Orion: soluzione blockchain che tramite un’identificazione digitale permette a enti o uffici governativi di offrire servizi o procedure sicure, trasparenti e semplificate.

2º premio (CHF 2’500.-)
Team WashMyPants (Ruben Folini, Stefano Andreoli e Nicola Iannelli) con il progetto omonimo: una piattaforma che mette in contatto chi non ha voglia/tempo per fare il bucato, ma che è disposto a pagare per farselo fare, e chi invece è disposto a farlo facendosi pagare.

3º premio (CHF 1’000.-)
Team Hooli (Pietro Ghezzi e Adriatik Dushica) con il progetto martCam4SafeCity: consiste in una videocamera intelligente, che grazie ad algoritmi di computer vision è in grado di riconoscere veicoli soprattutto durante eventi, manifestazioni o luoghi chiusi al traffico dove è possibile posizionare le videocamere lungo un perimetro in cui i veicoli non hanno accesso.

La giuria era composta da tre commissioni, di 5 membri ciascuna.

Commissione istituzionale
Bruno Arrigoni (presidente della giuria e sindaco di Chiasso)
Umberto Bondi (CP Start-Up)
Antonio Carzaniga (Decano e professore Facoltà d’informatica USI)
Nicola Mona (imprenditore e mentore CTI)
Barbara Vannin (Fondazione AGIRE)

Commissione imprenditoriale
Guk Kim (direttore dei servizi ancillary lastminute.com)
Alessandro Marrarosa (presidente NetComm Suisse)
Claudio Matricardi (Software Architect RSI)
Corrado Noseda (direttore AGE SA)
Fiorenzo Poretti (Resp. centro competenze IT (SCTE) BancaStato)

Commissione tecnica
Geoffroy Baylaender (fondatore FrontEnders Ticino)
Paolo Cavatore (Responsabile Lugano Chapter Swiss Finance + Technology Association)
Luca Mascaro (CEO Sketchin)
Andrea Rizzoli (Professore SUPSI)
Ilario Valdelli (IT projects & education Wikimedia CH)

Sono inoltre stati assegnati dei riconoscimenti speciali.
– Miglior impatto sociale e sostenibilità secondo lastminute foundation: WashMyPants;
– Miglior progetto orientato all’e-commerce secondo NetComm Suisse: WashMyPants;
– Miglior progetto legato alla mobilità sostenibile secondo SocialCar: BrainSquad;
– Miglior progetto in grado di sfruttare i dati liberi (open data) per Wikimedia CH: MonteLabs.