14 giugno. Le Donne liberali non scioperano ma propongono un’alternativa

Il 14 giugno una giornata per richiamare l’attenzione sulla parità uomo-donna
Le donne liberali radicali sollecitano flessibilità, misure fiscali e assistenza all’infanzia
__________________________________________________

(com.) L’Ufficio presidenziale delle Donne Liberali Radicali Ticinesi desidera sfruttare il 14 giugno non per scioperare ma come giornata d’azione per richiamare l’attenzione sugli obiettivi ancora da raggiungere nella parità tra uomini e donne che non è una questione che riguarda soltanto i partiti di sinistra e i sindacati ma bensì tutti. Sfruttiamo quindi questa giornata per invitare uomini e donne a impegnarsi a favore di un maggior grado di pari opportunità!

Il nostro sistema fiscale e il calcolo delle spese di assistenza all’infanzia in Svizzera sono ad oggi concepiti in modo che in molti casi per le persone (di norma donne) non valga la pena lavorare. Inoltre, la maggior parte delle donne lavora a tempo parziale. Il lavoro a tempo parziale è però anche spesso sinonimo di una rinuncia a delle opportunità di carriera, nonché di riduzione dei contributi previdenziali e di perdite della pensione.

Sollecitiamo quindi:

•l’introduzione della tassazione individuale. Per le coppie deve avere senso che entrambi i genitori esercitino un’attività lavorativa.

•l’abolizione della soglia d’entrata e della deduzione di coordinamento per la cassa pensione o almeno un legame con il livello di occupazione.

•un’offerta di strutture di assistenza all’infanzia e scuole diurne in linea con le esigenze e a prezzi accessibili.

•l’introduzione del congedo parentale.

•condizioni di lavoro flessibili come l’home office e orari di lavoro flessibili per entrambi i genitori, uomini e donne.

Mari Luz Besomi-Candolfi, presidente DLRT