Warning: Attempt to read property "post_excerpt" on null in /home/clients/d43697fba9b448981cd8cd1cb3390402/web/content/themes/newsup/single.php on line 88

La crisi finanziaria e bancaria europea si è trasformata nel 2011 in una crisi del debito, con la conseguente messa in questione della sopravvivenza dell’euro.

La pessima immagine dell’Unione europea non è giustificata, commenta l’ex Cancelliere austriaco Alfred Gusenbauer intervenendo sul quotidiano portoghese Público: “Mettendo a confronto l’Unione europea con gli Stati Uniti e con il Giappone (dove il debito pubblico raggiunge il 200% del Pil) ci si rende conto di come l’UE non meriti di essere degradata come invece accade.
Nel settore dell’impiego e del risparmio privato le prestazioni europee restano complessivamente elevate. Inoltre, la bilancia commerciale è in linea con i livelli internazionali.
Lo scetticismo nei confronti dell’euro e dell’Unione europea si spiega con il fatto che dalla primavera 2010 i dirigenti europei passano da un summit all’altro, rimediando ogni volta presunte soluzioni alla crisi che non portano a nulla o che giungono troppo tardi.
Economicamente e politicamente i dirigenti europei non hanno messo in campo tutto quanto è in loro potere. I mercati finanziari che all’inizio pensavano di riuscire a domare oggi li tengono ancora in pugno.
… In Europa l’unica soluzione è un nuovo trattato fra nazioni, generazioni e classi sociali e questo significa dover fare delle scelte molto difficili.”