Jack LACOggi il pensiero del giorno lo assegno a me stesso. Pubblicato nel Mattino della domenica (hanno risposto anche Righinetti, Bazzi, ecc.).

Mi ritrovo per così dire “in controtendenza”… ma in compagnia di Boneff! Chi l’avrebbe mai detto?

* * *

blogger anonimoÈ sin troppo facile riassumere gli argo­menti pro e contro (spero di non banaliz­zare).

Per l’obbligo di fir­ma. Chi si cela dietro il famigerato “nick­name” può approfittarne per vomitare sul web ogni sorta di cattiverie e ne­fandezze, sia di carattere politico che personale.

Contro l’obbligo di firma. Ma è pro­prio il “nickname” che rende libero il blogger! Il quale, naturalmente, non abusa – non deve abusare – della sua grande e preziosa libertà. Potrà espri­mersi in modo fantasioso, frizzante e bizzarro, al limite provocatorio, ma sa controllarsi e non travalica il segno.

Da che parte pende la bilancia? Io esito, non è facile, ma alla fine pro­pendo per la facoltà di conservare l’anonimato. Anche perché chiunque sa che questo anonimato NON è asso­luto. Se c’è querela per ingiuria, diffa­mazione o calunnia, il procuratore può esigere la rivelazione del nome del blogger. Se si finisce sotto i fulmini del 261 bis (discriminazione razziale) idem come sopra.

Dobbiamo proprio rinunciare a Cali­gola, Bike, Jack the Ripper, Messalina, Abate Faria, Tiger? Non sarebbe un vero peccato?