Dichiarazioni stupefacenti

Romano x“Trattative fiscali Svizzera-Italia: 21 settembre, un silenzio assordante! Tutto tace da Berna! L’estate è finita in tutti i termini, il Dipartimento della signora CF Widmer-Schlumpf, malgrado le ripetute rassicurazioni, non riesce a venirne a una con gli italiani! Un fallimento, fino ad oggi! È ora che il Consiglio federale, come gremio, prenda in mano il dossier e lo metta in relazione a vari oggetti pendenti da una e dell’altra parte! Se diplomatici e tecnici non ne arrivano a una, la politica deve intervenire e fare sentire la propria voce! Con rigore, stile e determinazione mi aspetto – e interverrò in questo senso – che il nostro Governo manifesti disappunto nei confronti di quello italiano! Tutto ha un limite…”

Questo scrive l’on. Marco Romano, consigliere nazionale PPD, sulla sua pagina Facebook.

Un post ben azzeccato, centrato, da approvare? Io direi (prima di tutto): un post… bizzarramente incompleto. Perché l’UNICA conclusione che ci si aspetterebbe di leggere… quella NON C’È.

NOTA. A mio avviso ci sono alcuni deputati a Berna in corsa per la riconferma (almeno 3) che sulla questione EWS – che va ben al di là di tale ambigua e deludente persona – fanno i furbi. Un’esortazione: NON sottovalutino la lucidità e il buon senso dell’elettore, commetterebbero un errore madornale.