Applicando il diritto di veto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Russia e Cina hanno impedito l’adozione di risoluzioni contro il regime siriano. Il politologo Bruno Tertrais critica il diritto di veto nell’edizione odierna del quotidiano francese Le Figaro.

“Oggi la comunità internazionale è tributaria di scelte politiche fatte da due poteri autoritari – commenta Tertrais – l’uno dominato da un’oligarchia mafiosa e serviti segreti onnipotenti e l’altro dominato da un’elite politico-militare corrotta, il cui obiettivo primario è restare al potere.
La sorte dei popoli in pericolo deve essere ostaggio di istituzioni quali il Servizio federale di sicurezza della Federazione russa, il Partito comunista cinese e l’Armata cinese di liberazione?
E’ questo a cui porta la regola sacra secondo la quale si agisce solamente in virtù di una risoluzione del Consiglio di sicurezza?”