Per un decennio ho collaborato attivamente per gettare le basi del nuovo Comune di Monteceneri. La mia esperienza nelle amministrazioni locali – non solo nel Comune ma anche in altre istituzioni pubbliche – mi avevano convinto che il futuro delle nostre valli non era quello di arroccarsi in difesa del proprio orticello. E l’esperienza vissuta in quest’ultimo anno e mezzo all’interno del nuovo Municipio di Monteceneri mi ha confermato che la via dell’aggregazione è stata quella giusta.

Il Dipartimento delle istituzioni deve riprendere lo studio con il quale si prospettava di ridisegnare le entità comunali nel rispetto di una visione regionale di sviluppo condiviso, evitando doppioni e spreco di sinergie. Nel Luganese è necessario contrapporre alla Città dei Comuni forti, sia nella cinturacittadina, sia nella valle del Vedeggio.

Fatta questa premessa mi fa piacere ricordare che ancora una volta faccio parte dei candidati Ppd per il Municipio di Monteceneri, con la speranza di poter essere rieletto per poter completare il lavoro ancora in corso.
Da una parte definire le scelte strategiche per consolidare la vocazione residenziale del nostro territorio, sorretta da insediamenti turistici, artigianali e amministrativi di forte richiamo. Un lavoro questo che richiede una stretta collaborazione con il nuovo Ente regionale di sviluppo e della nascente associazione dei Comuni Vedeggio Valley.
In questo ambito particolare attenzione va riservata alla posizione invidiabile di Monteceneri su importanti vie di comunicazione, chiedendo a gran voce il mantenimento dell’esistente svincolo autostradale di Sigirino.
Vanno altresì completati i ripari fonici sulla ferrovia e sull’autostrada, le cui immissioni superano ancora i limiti dell’Ordinanza federale, e data una nuova funzione di trasporto pubblico all’attuale ferrovia del Vedeggio a seguito dell’entrata in servizio di AlpTransit.

Dall’altra parte, se si vuole disporre di un Comune ben organizzato, in grado di fornire servizi ineccepibili, si impone a breve termine la verifica delle strutture di raccolta dei rifiuti, l’allestimento del piano generale per lo smaltimento delle acque nel quartiere di Rivera, il Piano generale degli acquedotti, il controllo a distanza della portata delle sorgenti e i relativi consumi di acqua potabile, la verifica logistica degli attuali spazi a disposizione per l’amministrazione, con la sistemazione dell’Ufficio tecnico a Camignolo.

La recente assegnazione al Ticino delle Forze speciali dell’esercito con comando al Monte Ceneri, dal quale dipendono anche i granatieri di Isone e l’aeroporto di Magadino, conferma l’indotto che l’alto Vedeggio ha sempre goduto dai militari.
In questo senso è auspicabile che venga trovata una soluzione accettabile per il poligono di tiro regionale sul Ceneri, evidentemente nella giusta ubicazione e con le massime misure di protezione a difesa della zona e degli abitanti del quartiere di Rivera.
Il partito Ppd e Gg sono presenti alla competizione elettorale con il loro programma, rivolto al futuro e, come in passato, intendono collaborare con le forze politiche nell’alto Vedeggio che operano per il bene di Monteceneri e della valle tutta.

Aurelio Scerpella
vicesindaco uscente e candidato Ppd per il Municipio di Monteceneri