Aveva tenuto col fiato sospeso, la notizia che il celebre storico e archeologo nonché scrittore di numerosi bestseller, fosse stato intossicato da monossido di carbonio nella sua abitazione romana. Ora, però, Valerio Massimo Manfredi è stato dimesso dall’ospedale e sta trascorrendo la convalescenza a casa.

Lo storico, originario di Modena, 77 anni, dopo stato trovato esanime nel suo appartamento in via dei Vascellari a Roma, era stato ricoverato, grazie all’allarme subitaneo della figlia, in camera iperbarica a Grosseto.

Di media statura ma dal fisico possente, Valerio Massimo Manfredi ha lo sguardo penetrante e la voce calma e profonda, la severità di un monaco e l’austerità di un legiferatore.