Markus Raetz al LAC – Mostra monografica dell’autore di “Yes or No” – di Nataliya Shtey Gilardoni

Raetz 1Il centro culturale LAC a breve – vernissage venerdì 29 – ospiterà la mostra monografica di Markus Raetz – scultore, pittore e illustratore, uno dei protagonisti svizzeri della scena artistica internazionale contemporanea.

Nato a Büren an der Aare, vicino a Berna, Raetz si è formato come insegnante delle scuole elementari. Quando ha intrapreso la carriera di artista ha vissuto in città quali Berna, Amsterdam, Berlino e nel villaggio di Carona (Canton Ticino). Le sue numerose opere sono conservate in collezioni pubbliche, tra cui il Museum of Modern Art a New York e il Kunstmuseum Basel a Basilea. Tra i vari riconoscimenti, Raetz è stato premiato con un Gerhard-Altenbourg-Preis nel 2004 e con un Prix Meret Oppenheim nel 2006.

A partire dagli anni sessanta, Raetz ha realizzato numerose opere, tra le quali più di 30.000 disegni. Tra gli anni sessanta e i settanta la sua opera si è incentrata sul disegno e sulla pittura, mentre tra gli anni ottanta e i novanta egli  ha creato principalmente sculture. E’ conosciuto soprattutto per la scultura intitolata Der Kopf, situata nel Merian Park di Basilea. Sembrano piloni di cemento buttati a caso su un prato, invece a guardarli bene e sotto la giusta angolazione quei singoli elementi compongono perfettamente un volto. Un’altra opera famosa in tutto il mondo sono le sculture Yes or No. Esistono varie versioni e diverse dimensioni di questi lavori, ma il concetto è sempre lo stesso: sculture tipografiche che cambiano senza muoversi.

Questo genere di opere richiede l’interazione dello spettatore: possono essere comprese solo se viste in movimento o sotto particolari angolazioni. Sono opere tridimensionali create per rendere omaggio all’illusione e alla relatività. La parola “SÌ”, da un altro punto di vista si legge come “NO”. Nello stesso filone poi ci si può sbizzarrire sui contrasti: Moi diventa Toi (Io-Te) e TODO diventa NADA (Tutto-Niente). Ed è così che un coniglio diventa un uomo col cappello che evoca Beuys.

Raetz 3La mostra di Lugano si inaugurerà il 30 gennaio e assumerà particolare rilevanza, poiché si tratta della prima personale a lui dedicata nel Ticino, che nasce da una collaborazione con il Kunstmuseum di Berna e il Musée Jenisch di Vevey, i quali ne hanno ospitato le prime tappe nel 2014. L’artista ha realizzato appositamente per l’occasione una nuova installazione.

Ampio spazio viene dedicato all’opera incisa, che negli anni ha esplorato le varie tecniche calcografiche alla ricerca di una libertà creativa non sempre raggiungibile attraverso la pittura e il disegno, così come le sperimentazioni grafiche di Raetz accompagnate da una parallela ricerca in ambito plastico si esprimeranno pienamente nelle numerose sculture incluse nell’allestimento.

Dott. Nataliya Shtey Gilardoni